Publishing Partner: Cambridge University Press CUP Extra Wiley-Blackwell Publisher Login
amazon logo
More Info


New from Oxford University Press!

ad

Latin: A Linguistic Introduction

By Renato Oniga and Norma Shifano

Applies the principles of contemporary linguistics to the study of Latin and provides clear explanations of grammatical rules alongside diagrams to illustrate complex structures.


New from Cambridge University Press!

ad

The Ancient Language, and the Dialect of Cornwall, with an Enlarged Glossary of Cornish Provincial Words

By Frederick W.P. Jago

Containing around 3,700 dialect words from both Cornish and English,, this glossary was published in 1882 by Frederick W. P. Jago (1817–92) in an effort to describe and preserve the dialect as it too declined and it is an invaluable record of a disappearing dialect and way of life.


New from Brill!

ad

Linguistic Bibliography for the Year 2013

The Linguistic Bibliography is by far the most comprehensive bibliographic reference work in the field. This volume contains up-to-date and extensive indexes of names, languages, and subjects.


Academic Paper


Title: Il Gesto. Gestualità e tratti non verbali in interazioni diadiche.
Author: Nicla Rossini
Email: click here to access email
Homepage: http://www.niclarossini.com
Institution: Università degli Studi di Pavia
Linguistic Field: Applied Linguistics; Cognitive Science
Abstract: Lo studio della comunicazione non verbale e della gestualità in relazione a ambiti di ricerca su società e mutamento sociologico, psicologia cognitiva, teorie della comunicazione, antropologia culturale e, più recentemente, linguistica, ha assistito negli ultimi anni a una crescita esponenziale dell’interesse nell’ambito accademico italiano. Il presente volume scaturisce dalle esigenze del corso di Comunicazione non Verbale all’Università del Piemonte Orientale e si rivolge a studenti che per la prima volta si accostino alla materia./L/Nonostante l’incremento dell’interesse nei confronti della comunicazione non verbale in generale e dello studio del gesto più in particolare, poche sono a oggi le pubblicazioni a essi dedicate in lingua italiana. Ci proponiamo qui di fornire un agile manuale introduttivo a un ambito di studi complesso, ancorché relativamente “giovane”./L/Il volume è costituito da una presentazione dello stato dell’arte in chiave inter-disciplinare, il più possibile esaustiva, pur senza addentrarsi in questioni più adatte a un pubblico specializzato. Si presentano e discutono le principali tecniche e metodologie di indagine sulla comunicazione non verbale e alcune applicazioni pratiche dell’indagine su campo. La metodologia applicata nello studio dei fenomeni non verbali pertiene all’indagine linguistica: i concetti chiave della linguistica applicati agli studi sul gesto sono tuttavia introdotti previamente in modo sintetico, senza presupporre una conoscenza preliminare da parte del lettore./L/Il Capitolo 1 fornisce una panoramica dello stato dell’arte della ricerca su comunicazione non verbale e gestualità, divisa per ambiti disciplinari. Il Capitolo 2 si sofferma sul ruolo di sguardo e postura nelle interazioni diadiche, con una introduzione ai concetti chiave della prossemica come formulata da Edward T. Hall e una panoramica delle principali teorie sull’interazione diadica. Il Capitolo 3 si sofferma invece sulla funzione delle espressioni: si definiscono qui, in prima analisi, le emozioni fondamentali e si dà conto dei principali studi e delle teorizzazioni a esse dedicati da Charles Darwin in poi./L/Il Capitolo 4 è dedicato alla gestualità. In esso sono presentati i concetti basilari relativi al fenomeno, ivi comprese le definizioni del gesto fornite dai principali autori, le fasi gestuali, le tipologie o “dimensioni” (McNeill 2005) semantiche e le ipotesi fondamentali sulle funzioni della gestualità. Si presenta, contestualmente, la teoria dei growth points, sviluppata da David McNeill (1992, 2005) come chiave teorica per l’interpretazione della produzione linguistica in tempo reale, e l’ipotesi dell’information packaging proposta da Sotaro Kita (2001) quale parziale alternativa alla teoria di McNeill./L/I Capitoli 5 e 6, infine, presentano ricerche su campo volte a applicare alcune tecniche di indagine tipiche della linguistica sperimentale alla gestualità: il Capitolo 5, in particolare, presenta uno studio sulla possibile variazione “sociolinguistica” del gesto, mentre il Capitolo 6 chiude il volume presentando uno studio sulla analisi di gesto e fenomeni prosodici come indici di lessicalizzazione nelle lingue naturali.
Type: Individual Paper
Status: Completed
Publication Info: Pitagora: Bologna


Back
Add a new paper
Return to Academic Papers main page
Return to Directory of Linguists main page